BLOG

Vivi con Bobble tutte le news dal mondo della comunicazione, del marketing e della creatività.

TEMPO DI LETTURA STIMATO: 2 minuti

Sembra essere arrivata l’apocalisse per i marketers e le aziende che utilizzano le Ads all’interno del social blu di Zuckemberg. Vediamo cosa cambia nel retargeting Facebook.

Ci avevi messo così tanto ad ottimizzare le tue Ads, a creare il giusto meccanismo per riprendere chi aveva visualizzato il tuo contenuto, ma non aveva interagito…e adesso, che cosa succede al retargeting Facebook?

Inutile girarci intorno, cambierà molto. Bisognerà ripensare il modo di fare retargeting Facebook. Ma neanche stavolta è tempo di armageddon: continua a leggere e ti spiegheremo la situazione attuale e che cosa puoi fare.

Off Facebook Activity: è lui il colpevole

Cominciamo intanto a mettere ordine nei pensieri e nelle informazioni.
Perché Zuckemberg dovrebbe complicare la vita a chi, in ultima analisi, riempie le sue casse di sonanti denari? Inutile dire infatti che chi pensa ancora che Facebook sia uno strumento gratuito ha bisogno di un serio aggiornamento.

Che tu sia un libero professionista o un imprenditore, se vuoi che il tuo brand abbia una rilevanza, devi necessariamente investire in Facebook Ads. E se vuoi avere chance di convertire il contatto in potenziale acquirente, devi avere una strategia di retargeting. E, ovviamente, analizzare i dati.

È vero anche, però, che la forza di Facebook sta nell’enormità del suo pubblico. Che inizia a sentirsi un po’ sui carboni ardenti, dopo vari scandali e l’evidenza di enormi falle nella protezione della privacy degli utenti.
Proprio qui risiede la necessità di dare agli utenti degli strumenti che possano aiutarli a mettersi al riparo da condotte troppo aggressive da parte degli inserzionisti.

Off Facebook Activity è un tool che permette agli intestatari degli account personali di cancellare tutte le informazioni che app e siti condividono con Facebook e che i brand utilizzano poi per profilarci ed attivare campagne di retargeting Facebook.

Ma questo strumento fa anche di più: permette di proteggersi rispetto a future raccolte di informazioni.

Basta infatti arrivare alla sezione Impostazioni, cliccare su Off Facebook Activity, prendere atto delle app e dei siti che hanno già provveduto a profilare l’account e cancellare del tutto lo storico oppure decidere di revocare l’autorizzazione solo ad alcuni di essi.
Stai già provando a farlo per vedere se davvero l’apocalisse si sta abbattendo sulla tua politica di Facebook marketing?

Aspetta: al momento questa funzionalità è stata introdotta solo in Irlanda, Sud Corea e Spagna.
Hai del tempo per studiare il fenomeno e prendere le giuste contromisure.

Retargeting Facebook, quanto siamo davvero in pericolo?

La situazione è questa: le campagne di retargeting Facebook per come le abbiamo conosciute fino ad ora, dovranno cambiare.

Fino all’avvento di Off Facebook Activity, potremo tracciare i movimenti degli utenti all’interno di siti ed app ed utilizzare queste informazioni per far loro visualizzare dei contenuti sul social che li riconducano all’acquisto.

Se non potessimo più farlo ovviamente il problema ci sarebbe. “Se” è però la parola chiave: prima di farci prendere dal panico bisogna attendere che questo strumento diventi effettivamente operativo e comprendere la reale portata di questa novità.

Nello specifico:

  • quanta visibilità verrà data a Off Facebook Activity?
  • quanti utenti saranno così attenti ed esperti da utilizzarlo?

Il consiglio di Bobble Agency è quindi quello di monitorare con attenzione la situazione e, nel frattempo, cercare di ottimizzare sempre di più le opzioni di retargeting Facebook e le Ads in modo, semmai, da raccogliere il massimo risultato possibile, fin quando rimarrà lo status quo.

Se hai bisogno di noi per fare bottino pieno, ti basta una semplice email: contattaci!

Contattaci per una consulenza gratuita!