BLOG

Vivi con Bobble tutte le news dal mondo della comunicazione, del marketing e della creatività.

TEMPO DI LETTURA STIMATO: 3 minuti

Sito web, account social, landing page, magari un’app. Tutto utile, ma non dimenticarti mai del company profile aziendale!

Che tu abbia deciso di abbandonare completamente la comunicazione cartacea (e permettici di dirti che è un errore!) o meno, devi sempre pensare al company profile aziendale come ad uno strumento imprescindibile nella tua strategia.
Potresti infatti scegliere di seguire la tendenza green e di prevederne solamente una versione in pdf scaricabile oppure sfogliabile grazie a player come issue. Ma è necessario che tu lo abbia.

Potrebbe sembrare fastidioso questo tono perentorio. Ma alla fine dell’articolo, se continuerai a leggere, comprenderai perché non ti stiamo dando semplicemente un velato consiglio.

Che cos’è il company profile aziendale

La maggior parte delle persone risponderebbero velocemente, in modo sintetico ma superficiale, dicendo “una brochure”. Tecnicamente potrebbe anche essere non completamente sbagliato.
Ma un company profile aziendale è molto di più: è la carta d’identità della tua impresa.
Racconta chi sei, quali sono i tuoi valori, qual è la mission aziendale, in quale modo intendi portarla avanti, quali sono i prodotti o servizi che produci/vendi, come lo fai, che valore hanno le persone nel tuo staff. E tanto altro ancora.

Come puoi vedere un company profile aziendale non descrive semplicemente che cosa fai, ma contribuisce a raccontare il tuo brand.
Lo storytelling è un elemento imprescindibile in una corretta strategia di comunicazione e marketing ed il company profile aziendale ne è una parte insostituibile.

E’ uno strumento che puoi, per non dire devi, utilizzare per rubare l’attenzione del lettore che hai davanti – che sia durante o alla fine di una trattativa come rafforzativo o esca da utilizzare nel momento in cui sta navigando il tuo sito per la prima volta dopo una ricerca su Google – trovando il modo di emozionarlo, di fargli soppesare la differenza che può esserci tra te e tutti gli altri, intrigandolo. In conclusione portandolo a chiedersi perché non dovrebbe rivolgersi a te. Anche solo per una chiacchierata.

Anticipiamo l’obiezione: la stessa cosa puoi farla anche con altri strumenti, senza bisogno anche di un company profile aziendale! Sbagliato: questo è l’unico supporto attraverso il quale puoi raccontare in un unico “luogo” tutto di te.
Nel sito, il lettore deve passare da una pagina all’altra. Nei social puoi farlo attraverso una successione di post. E via dicendo.

A cosa devi pensare

Non hai un company profile aziendale o inizi a pensare che dovresti rivederlo? Ok: no panic!
Possiamo darti alcuni consigli che ti aiutino a fare chiarezza, a costruirti una sorta di mappa mentale.

  1. I contenuti

È la tua carta d’identità. Quindi devi metterci tutti gli elementi essenziali, più i segni particolari, ciò che ti distingue dagli altri. Mettiti nei panni del target che lo leggerà: che cos’è di suo interesse?

  1. Lo stile

Il company profile aziendale è la voce autorevole del brand. Utilizza un tono ed un linguaggio che sia corretto per le buyer personas alle quali ti stai riferendo. Evita un esasperato egocentrismo. Per quanto la tua storia possa essere interessante e possa per te essere fonte di orgoglio, se utilizzi uno stile autoreferenziale finirai per allontanare chi legge ed annoiarlo. Utilizza questo strumento per creare un primo contatto: la tua impresa esiste per lui e non viceversa.

  1. Le immagini

La narrazione per immagini ha un potere evocativo molto forte. Limitarti semplicemente a scegliere belle foto, potrebbe non essere corretto. Tieni sempre presente che cosa vuoi raccontare ed a chi: meglio mettere una tua foto o quello dello stabilimento o quella dello staff o preferire immagini astratte?

  1. Il formato

Un elemento affatto trascurabile. Se stai pensando di produrre un company profile aziendale cartaceo, prima ancora di pensare alla struttura dovresti pensare al formato che ti piacerebbe sfogliare, al peso della carta, alla sua fattura, ad eventuali lavorazioni particolari che vuoi inserire, all’utilizzo del punto metallico o del dorso. Se invece preferisci il formato digitale, capisci se sarà sufficiente un pdf o se invece vuoi utilizzare qualche reader per renderlo sfogliabile.

Puoi farlo da solo? 

Dopo quella sul perché dovresti avere un company profile aziendale, questa è di certo la seconda domanda che si insinua nella mente: farlo da solo o comunque internamente.
Tutto si può fare.

Il tema è però un altro. Che cosa vuoi dica di te il tuo company profile? A meno che nella tua impresa non ci sia un reparto creativo interno coadiuvato da un ufficio di marketing strategico, è un po’ complicato fare un buon lavoro: rischieresti di buttare tempo e soldi per uno strumento che poi non renderà giustizia alla tua attività. Un autogol pericoloso.

Affidarsi ad un’agenzia di comunicazione, che abbia una comprovata esperienza nella realizzazione di company profile aziendali è sicuramente una scelta più saggia.

Contattaci per una consulenza gratuita!